Le mascherine di Sant’Egidio

12 marzo 2011

Veglioncino mascherato in parrocchia: grande festa per i bambini e i loro genitori per salutare il carnevale 2011

Giuncarico – I bambini di Giuncarico protagonisti alla festa in maschera di martedì grasso per salutare il carnevale 2011. Nell’ultimo giorno del periodo più “scherzoso” dell’anno i bambini e i loro genitori si sono ritrovati nei locali dell’asilo parrocchiale di Giuncarico per festeggiare il carnevale tra coriandoli, dolcetti, musica e tanto divertimento.

Un appuntamento quello organizzato dai volontari della parrocchia di Sant’Egidio che si ripete ormai da alcuni anni e che offre la possibilità a tutti i bambini del paese di poter festeggiare e sfilare con le loro mascherine.

Il carnevale di Sant’Egidio: la fot di gruppo con i bambini della festa in parrocchia

Leggi il seguito di questo post »


In classe con il Diario di Anna Frank

11 marzo 2011

Nuovo appuntamento promosso dalla biblioteca comunale per domani: una performance teatrale avvicinerà gli studenti al libro che racconta la vita e la condizione di deportata della bambina olandese

Gavorrano – La Biblioteca comunale di Gavorrano prosegue con gli incontri aperti agli studenti del territorio proponendo per domani sabato 12 marzo alle ore 9,30, nella sede dell’Istituto Comprensivo in via delle Scuole a Gavorrano, una “ri- lettura creativa” di uno dei testi più coinvolgenti del ‘900 : è il Diario di Anna Frank, presentato come performance teatrale e di lettura interattiva a cura del Teatro Studio di Grosseto, Centro di Ricerca e formazione teatrale diretto da Mario Fraschetti e Daniela Marretti.

(Nell’immagine in alto una pagina del diario e la foto della piccola Anna Frank)

Una performance che mette insieme momenti teatrali, momenti di lettura, lavoro attoriale e discussione aperta, interazione, in un contesto informale, in cui la barriera tra lo spettacolo-testo e il pubblico (i ragazzi delle classi seconde della Scuola media) si abbatte conducendoci nel cuore dell’opera ed arricchendola dell’emozione di ognuno.

Leggi il seguito di questo post »


Biblioteca, incontri con gli autori

4 marzo 2011

Il primo incontro è in programma domani sabato 5 marzo alla biblioteca comunale di piazza XXIV Maggio

Gavorrano – Per realizzare a pieno l’obiettivo di fare della Biblioteca sempre più un luogo di aggregazione e di scambio culturale, una “piazza” aperta alla discussione ed alla circolazione delle idee, dopo il successo dei pomeriggi dedicati ai bambini con le favole animate, è stato organizzato in collaborazione con l’Associazione Officina Hermes, un programma di appuntamenti per cittadini di ogni età.

L’obiettivo di queste iniziative è promuovere la passione e il gusto per la lettura libera, favorire l’avvicinamento ad argomenti e tematiche di vario genere e presentare libri interessanti insieme ad autori e commentatori. Ad aprire il ricco programma di appuntamenti l’incontro di domani sabato 5 marzo (21,30): l’iniziativa sarà dedicata alla narrativa contemporanea e in particolare al genere noir. Protagonista della serata sarà Luigi Bernardi (www.luigibernardi.com). Lo scrittore presenterà “Niente da capire” e “Senza luce”. Relatore dell’incontro sarà Sacha Naspini mentre la sessione di reading sarà curata dall’Associazione culturale Officina Hermes.

(nella foto in alto Luigi Bernardi, tratta dal sito internet http://www.luigibernardi.com)

Leggi il seguito di questo post »


Gavorrano canta con “La Compagnia del Riccio”

27 febbraio 2011

A marzo il concerto di presentazione del coro polifonico fondato a Bagno nel 2010

Gavorrano – Sono ventitré le voci che compongono “La Compagnia del Riccio”, il coro polifonico nato nel mese di settembre del 2010 da un’idea di Marta Bartolini e dalla sua collaborazione con Alice Naso e con la cantante lirica Erika Zanaboni, alla quale è stata affidata la preparazione vocale dei coristi.
Ha sede a Bagno di Gavorrano e raccoglie appassionati del bel canto da tutto il comune. “Il nome – ci spiega Marta Bartolini – proviene dal nostro simbolo, un riccio appunto, che al di fuori appare aspro, rigido e pungente, ma quando si apre è dolce, simpatico e buono, esattamente come i maremmani”.

L’amore per la musica e per il canto è l’elemento comune che unisce tutti i coristi del gruppo, ma “La Compagnia del Riccio” oltre a privilegiare attività legate ad iniziative culturali ha tra le sue finalità un impegno concreto a sostengo del volontariato nel campo del sociale.
«Il coro – aggiunge Marta Bartolini – si propone principalmente di divertirsi a cantare insieme ed aggregare tutte quelle persone cui piace cantare, cercando di farlo nel modo migliore possibile. L’altro obiettivo, altrettanto importante, è quello di fare concerti sia per raccogliere fondi a favore di associazioni on-lus sia per portare un po’ di allegria e di conforto a chi si trova nelle case di cura, nelle case per anziani o negli ospedali».

“La Compagnia del Riccio”: sopra una foto di gruppo con i protagonisti del coro polifonico

Leggi il seguito di questo post »


Ripensando al Bandi

20 febbraio 2011

Giuseppe Bandi, il Risorgimento, l’Unità d’Italia: l’omaggio del Giunco.net al nostro concittadino

di Piero Simonetti

Gavorrano – Sicuramente Giuseppe Bandi (nella foto nel 1859 quando era un giovane ufficiale di 26 anni) incamerò, senza saperlo, un aspetto fondamentale del carattere dei gavorranesi, ossia la caparbietà. Una caratteristica che lo ha poi accompagnato in ogni azione della sua esistenza.
Perfino la mano assassina dell’anarchico Oreste Lucchesi – che uccise Bandi il 1 luglio 1894 – venne armata dalla caparbietà della penna con cui Bandi attaccò, nei suoi giornali, l’altro vile attentato ai danni del presidente francese Sadi Carnot, ucciso anch’egli da mano anarchica cinque giorni prima, il 27 giugno dello stesso anno.
Giuseppe visse nella comunità di Gavorrano fino all’età di 14 anni, quando ancora era lontana la scoperta della pirite e la conseguente epopea mineraria. Nacque infatti nel 1834, secondogenito di Agostino Bandi ed Emilia Mazzinghi. Il padre, avvocato, era a Gavorrano a ricoprire il ruolo amministrativo di Podestà fin dal 1832. Successivamente la famiglia Bandi lasciò Gavorrano per Portoferraio ed altre destinazioni, legate alla carriera professionale del padre.
Il paese viveva essenzialmente del lavoro dei campi e del poco artigianato esistente. La mattina presto la gente partiva diretta al vasto piano, in compagnia del proprio mulo. Nei corbelli addosso alla schiena del quadrupede, qualche attrezzo, la fiasca dell’acqua ed il pane, un poco di vino ed una fetta di quel pezzo di lardo, appeso da tempo al trave nell’umida stalla sotto casa.

Leggi il seguito di questo post »


Carnevale, Gavorrano protagonista a Follonica

19 febbraio 2011

Si apre oggi la 32esima edizione del Carnevale della Città del Golfo; domani la prima sfilata con i carri allegorici; reginetta e maschere del Rione Centro provengono tutte dal nostro comune

Follonica – Anche Gavorrano parteciperà da protagonista all’edizione 2011 del Carnevale di Follonica. No, non è uno scherzo in tema con il periodo più burlesco dell’anno, ma una novità della 32esima edizione del Carnevale della Città del Golfo, uno degli eventi più importanti a livello regionale e nazionale, secondo in Toscana soltanto a Viareggio.

L’inizio della manifestazione è in programma per oggi (16,30) con l’arrivo di Re Carnevale nelle vie del centro di Follonica, domani poi il debutto dei carri allegorici con la prima sfilata del 2011 (14,30). A trepidare per l’inizio di un’altra esaltante edizione del carnevale, insieme ai follonichesi, quest’anno ci saranno anche tanti gavorranesi, perché sia la reginetta Maria D’Ambra che tutte le maschere presenti sul carro del Rione Centro, capitanato dalla presidente Silvia Gani, provengono da Gavorrano.

«Come tutti gli anni, – ci spiega Monica Gemignani, una delle promotrici di questa iniziativa – grazie agli abili  carristi e bravi progettisti dei Rioni, il Carnevale può sfoggiare tutta la sua arte nel mare di colori musica e  danze che la bellissima festa offre. Un po’ di aria carnevalesca ha contagiato anche Gavorrano, trasformando il sottochiesa di Don Giuseppe a Bagno in  sala prove, in  sartoria e sala trucco. Più di 20 persone tra mamme e ragazze, si sono adoperate divertendosi e stando insieme, creando balletti,  vestiti e coreografie.»

Il carnevale di Follonica: quest’anno la reginetta e le maschere del rione centro provengono tutte da Gavorrano (foto edizione 2009)

Leggi il seguito di questo post »


La Sentinella del Braccagni

8 febbraio 2011

È uscita l’edizione 2011 della rivista dedicata alla tradizioni popolari e alla vita di paese

di Barbara Farnetani

Braccagni – Il polo logistico, la fiera del Madonnino, i canti del maggio, ma anche un anno di vita in paese, con le nascite e gli eventi, e gli auguri a chi ha compiuto 80 anni. C’è tutto questo e molto altro nel numero del 2011 della Sentinella del Braccagni (a fianco la copertina), la rivista di tradizioni popolari e vita di paese, come recita il sottotitolo, edita dal Gruppo tradizioni popolari “Galli Silvestro” e diretta da Roberto Fidanzi.
La pubblicazione offre, ormai da anni, un colpo d’occhio importante e preciso per chi, anche fuori da Braccagni, vuole sapere cosa accade in paese, e per tutte quelle persone che, pur essendo nate o vissute nel centro abitato o nelle campagne circostanti, la vita ha portato lontano.

Leggi il seguito di questo post »