Le Colline Metallifere si aprono alla Sicilia

28 febbraio 2011

Progetto formativo del Parco delle Madonie (Palermo): 35 esperti e studiosi visiteranno il Geoparco per quattro giorni

Gavorrano – Dopo la positiva esperienza con la visita della delegazione coreana le Colline Metallifere si aprono alla Sicilia. Il Parco delle Madonie, nel territorio della provincia di Palermo, sta realizzando un progetto formativo su controllo, gestione e valorizzazione delle risorse ambientali e umane. Nell’ambito di questo progetto le Colline Metallifere sono state scelte per un stage di quattro giorni, che inizierà domani, martedì 1 marzo. Al Parco tecnologico e archeologico è stata richiesta la disponibilità a visitare le emergenze del territorio, così da approfondire tematiche relative a geologia, ingegneria naturalistica e archeologia industriale, con particolare riferimento alla redazione del masterplan il docmuneto guida del Parco.

La delegazione siciliana arriverà domani a Follonica. Nella città del Golfo sono attesi 35 ospiti tra geologi, architetti e ingegneri, oltre al direttore Francesco Licata di Baucina e al Commissario del Parco delle Madonie Angelo Pizzuto. Ad accoglierli ci sarà il sindaco del Golfo Eleonora Baldi e il presidente Luca Agresti, insieme al direttore Alessandra Casini. La delegazione siciliana ripartirà venerdì dopo aver toccato tutti i 7 comuni del comprensorio, da Follonica a Roccastrada.

La giornata di domani avrà come base proprio Follonica. L’accoglienza del gruppo è stata organizzata nel complesso Ex Ilva, in particolare al Museo del Ferro e alla Fonderia 2, dove saranno presentati i due parchi e dove ci sarà un primo incontro con la stampa locale.


Ravi Marchi: il sito minerario nel territorio del comune di Gavorrano sarà visitato dalla delegazione sicialiana nella seconda giornata di stage

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Elezioni, l’Unione di Centro potrebbe correre da sola

28 febbraio 2011

Stefanowicz e Giulianelli: «non escludiamo l’ipotesi di correre da soli»

Gavorrano – È il programma elettorale il punto di partenza delle trattative portate avanti dall”Unione di Centro in vista delle amministrative di primavera. Un elemento dal quale i vertici dell’Udc non vogliono prescindere. I confronti con le altre forze in vista di una possibile alleanza o di una eventuale coalizione dipenderanno dalle affinità programmatiche. Più simile è il programma più facile un possibile matrimonio elettorale. Un concetto che i dirigenti locali dell’Udc hanno tenuto a ribadire in un comunicato stampa nel quale si mette in evidenza anche una nuova possibilità: quella di dare vita ad una lista autonoma con un proprio candidato a sindaco.

«L’Unione di Centro – scrivono Karl Stefanowicz (nella foto in basso), responsabile politico UDC Gavorrano, e Giacomo Giulianelli, responsabile politico UDC Colline Metallifere – ha già predisposto da ottobre del 2010 un programma per le Amministrative del corrente anno 2011; tali linee programmatiche rappresentano attualmente il nostro punto di partenza per consultazioni esplorative con le altre forze politiche che operano nel Comune di Gavorrano. Dobbiamo altresì ribadire che i nostri valori di riferimento non sono negoziabili; pertanto non escludiamo l’ipotesi di correre da soli, qualora non si verifichino le condizioni per eventuali alleanze».

Leggi il seguito di questo post »


Casa Maiani: ultimi ritocchi, a marzo l’apertura

28 febbraio 2011

Il benefattore di Caldana Mario Maiani ha donato diecimila euro al comune di Gavorrano per completare le ultime opere prima dell’apertura prevista nel mese di marzo

Caldana – La storia infinita di Casa Maiani sta per concludersi. La data dell’apertura della struttura della Basse di Caldana non è ancora stata ufficializzata, ma sembra ormai molto probabile che la casa di riposo venga inaugurata nel mese di marzo. Pochi giorni quindi per completare le opere necessarie all’apertura di Casa Maiani che saranno finanziate grazie ad una nuova donazione di Mario Maini. Il benefattore di Caldana ha donato diecimila euro al comune di Gavorrano, risorse che saranno utilizzate per terminare i lavori previsti alla struttura prima del sua inaugurazione.

Casa Maiani: potrebbe essere inaugurata già nel mese di marzo dopo un’attesa lunga molti mesi

Leggi il seguito di questo post »


Gavorrano, un pareggio in dieci

27 febbraio 2011

In inferiorità e sotto di un gol la squadra di Magrini riesce a trovare il pareggio grazie ad un colpo di testa di Nocciolini e la partita finisce 1 a 1

Gavorrano – Sul campo casalingo e sotto una pioggia fittissima, il Gavorrano riesce a gestire con carattere la gara con la Carrarese e conquista un punto pareggiando 1 a 1 .

È un Gavorrano agguerrito quello che scende in campo fin dai primi minuti. Un Gavorrano che affronta l’avversario a viso aperto, cercando da subito di gestire la gara. E lo si vede già al 15°, quando Ruscio e Nocciolini mettono in crisi la retroguardia carrarese con uno scambio che però viene bloccato da Gazzoli. Ancora al 29° il rossoblù Galbiati batte con determinazione un calcio di punizione, che però finisce di poco alla destra del portiere.

A regalare più emozioni ai tifosi è però la seconda parte della gara, quando si concretizza quando seminato dal Gavorrano nel primo tempo. Al 46° il cross di Nocciolini raggiunge Lulli, che però manca di poco il colpo di testa decisivo. Ancora Nocciolini al 60°, quando da fuori area mette palla al centro, che però non viene intercettata dai propri. Anche Ruscio al 63° tenta dalla trequarti, ma neutralizza il portiere gialloazzurro. Determinante l’episodio al 65°, quando un intervento da dietro sull’avversario, obbliga il direttore di gara a mostrare a Giacomo Menichetti il secondo cartellino giallo e a concedere il rigore alla squadra ospite. A batterlo Antonio Gaeta, che realizza alla sinistra del portiere. Rimasto in dieci il Gavorrano non si lascia scoraggiare e cerca il pareggio, che arriva pochi minuti dopo. Infatti la punizione battuta da Bertino al 73° arriva a Nocciolini che segna di testa.

Leggi il seguito di questo post »


Gavorrano canta con “La Compagnia del Riccio”

27 febbraio 2011

A marzo il concerto di presentazione del coro polifonico fondato a Bagno nel 2010

Gavorrano – Sono ventitré le voci che compongono “La Compagnia del Riccio”, il coro polifonico nato nel mese di settembre del 2010 da un’idea di Marta Bartolini e dalla sua collaborazione con Alice Naso e con la cantante lirica Erika Zanaboni, alla quale è stata affidata la preparazione vocale dei coristi.
Ha sede a Bagno di Gavorrano e raccoglie appassionati del bel canto da tutto il comune. “Il nome – ci spiega Marta Bartolini – proviene dal nostro simbolo, un riccio appunto, che al di fuori appare aspro, rigido e pungente, ma quando si apre è dolce, simpatico e buono, esattamente come i maremmani”.

L’amore per la musica e per il canto è l’elemento comune che unisce tutti i coristi del gruppo, ma “La Compagnia del Riccio” oltre a privilegiare attività legate ad iniziative culturali ha tra le sue finalità un impegno concreto a sostengo del volontariato nel campo del sociale.
«Il coro – aggiunge Marta Bartolini – si propone principalmente di divertirsi a cantare insieme ed aggregare tutte quelle persone cui piace cantare, cercando di farlo nel modo migliore possibile. L’altro obiettivo, altrettanto importante, è quello di fare concerti sia per raccogliere fondi a favore di associazioni on-lus sia per portare un po’ di allegria e di conforto a chi si trova nelle case di cura, nelle case per anziani o negli ospedali».

“La Compagnia del Riccio”: sopra una foto di gruppo con i protagonisti del coro polifonico

Leggi il seguito di questo post »


Gavorrano e il Risorgimento

26 febbraio 2011

Celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia: al centro congressi ex Bagnetti il convegno dedicato ai valori risorgimentali e alla figura di Giuseppe Bandi; Filippi: «vogliamo riscoprire il senso di appartenenza alla comunità nazionale»

Gavorrano – I valori del Risorgimento, i personaggi e gli eventi di quel periodo storico che vide la nascita dell’Italia come nazione unita, e in particolare la figura di Giuseppe Bandi sono stati al centro del convegno organizzato questa mattina al centro congressi degli ex Bagnetti dal comune di Gavorrano in collaborazione con il Laboratorio Gavorrano Idea, la provincia di Grosseto, il Comitato Maremmano per la tutela dei valori risorgimentali e il circolo culturale “Il Risveglio di Calamartina”.

Una giornata dedicata alla nascita e alla diffusione del sentimento risorgimentale nella Maremma dell’800 come recita il titolo del convegno, voluto fortemente dal commissario straordinario Vincenza Filippi e che ha visto la partecipazione del presidente del consiglio provinciale Sergio Martini e il presidente del Parco delle Colline Metallifere Luca Agresti.

«Questo convegno – ha spiegato il commissario Vincenza Filippi – si inserisce nel quadro delle celebrazioni per i 150 anni d’Italia e pone al centro del dibattito la figura di un giovane eroe dell’epopea risorgimentale nato proprio a Gavorrano e vuole operare una riscoperta del senso di appartenenza ad una comunità, quella nazionale, attraverso il richiamo a valori condivisi. Il ricordo di tanti personaggi anche se protagonisti di vicende minori in terra di Maremma o in altri territori d’Italia, deve essere stimolo, nel presente, a preservare quei valori».

Leggi il seguito di questo post »


Calcio, c’è Gavorrano Carrarese

26 febbraio 2011

Flash: lista dei convocati dal tecnico rossoblù Lamberto Magrini per la gara interna di domani contro la Carrarese

Gavorrano – Con due sconfitte subite fuori casa, il Gavorrano è pronto ad accogliere la Carrarese. Tre i titolari che dovranno restare lontani dal campo da gioco: per infortunio il portiere Lanzano, per squalifica il difensore Bettini e l’attaccante Biggi. Infortunati anche Curcio, Loseto e Nencioli. Tra i convocati anche Micheal Frangioni della “Berretti”.

«“A inizio settimana la squadra era un po’ delusa, scarica, ma poi ha ritrovato sicurezza e determinazione -– ha detto in conferenza stampa Lamberto Magrini –- . Un calciatore non deve mai perdere la fiducia in se stesso, la voglia di giocare. E poi le sconfitte aiutano. In ogni caso le motivazioni non devono mai mancare, indipendente da quale sia la squadra avversaria. Le partite facili non esistono»”.

Leggi il seguito di questo post »