Giuncarico ricorda i “suoi” sindacalisti

30 aprile 2010

Giuncarico – Sarà un primo maggio speciale per Giuncarico. Nel giorno della festa dei lavoratori infatti per iniziativa di alcuni compaesani, da sempre vicini al mondo del lavoro e del sindacato, e della Cgil sarà affissa una targa in memoria di cinque giuncarichesi che durante la loro vita si sono impegnati per i diritti dei lavoratori e per celebrare il primo maggio.
I cinque giuncarichesi saranno ricordati sulla targa, dove sono stati incisi i loro nomi: Franco Cascino, Aviano Dondoli, Daus Gabrielli, Vemo Galletti e Oriano Vicari.
La targa, in ottone, sarà affissa sulla facciata della cappella del cimitero di Giuncarico, vicino alla lapide che ricorda i caduti del lavoro.

Primo Maggio: l’iniziativa è stata promossa dalla Cgil e da alcuni paesani impegnati nel sindacato e vicini al mondo del lavoro.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Pattinaggio, i campionati a Bagno

29 aprile 2010

Appuntamento domenica 2 maggio
Attesi più di 100 atleti

Bagno di Gavorrano – Si svolgerà nella pista di Bagno di Gavorrano il campionato promozione provinciale Uisp di pattinaggio. L’ appuntamento è per domenica 2 maggio, con il ritrovo alle 8,30 e inizio alle 9 degli esercizi del libero per Pulcini, Lupacchiotti e Primi Salti. Dalle 14 sempre esercizi liberi per Fuori Quota, Piccoli Azzurri, Primavera, Allievi giovani, Allievi Uisp, Juniores e Novizi.

Leggi il seguito di questo post »


Francesca Mondei è il nuovo capogruppo

28 aprile 2010

Gavorrano – È Francesca Mondei (nella foto a destra) il nuovo capogruppo del centrosinistra di Gavorrano. Dopo le dimissioni di Andrea Biondi, che ha lasciato la guida del gruppo di maggioranza in consiglio comunale per motivi personali e non per “problemi” politici, la coalizione che sostiene il sindaco Massimo Borghi ha scelto di puntare su uno dei nomi nuovi della politica locale.

Francesca Mondei, 31 anni, alla prima esperienza come consigliere comunale, è stata eletta come esponente del Partito Democratico. Fa parte, se così si può dire, dell’ala cattolica del Pd ed è molto stimata oltre che dai “democratici” anche dalle altre forze del centrosinistra. Per questo è stata scelta, perché può rappresentare la giusta mediazione tra le istanze del Partito Democratico e quelle delle altre forze di maggioranza.

Leggi il seguito di questo post »


Unesco, cartellino verde al Parco

27 aprile 2010

Obiettivo raggiunto, si attende la visita dei commissari
Marras e Rossi chiedono la proroga del comitato al ministro

Gavorrano – Via libera dal comitato di valutazione al Parco Nazionale delle Colline Metallifere. Il coordinatore della Commisione europea della rete mondiale dei Geoparchi Unesco, Nikolaos Zouros, ha comunicato che dopo la riunione del 26 marzo a Luberon in Francia è stato assegnato il “cartellino verde” al dossier di candidatura del Parco Archeologico e Tecnologico. Si tratta di un passaggio fondamentale nel percorso per l’inserimento del Parco nella rete europea dei Geoparchi Unesco.

La decisione del comitato di valutazione segue la preliminare qualificazione nella fase di preselezione ottenuta lo scorso settembre in Portogallo. Il “Tuscan Mining Geopark”, questa la denominazione scelta per il consesso internazionale, è quindi ad un passo dal riconoscimento Unesco: sarebbe il 38° parco sugli attuali 67 presenti nel mondo.

Ultimo passaggio, prima dell’eventuale proclamazione ufficiale, la visita della commissione che dovrà ispezionare il Parco per verificare gli standard richiesti dal Protocollo Unesco. La commissione internazionale sarà composta da due commissari, un tedesco e un greco. «Un esame certo severo – commentano dal comitato di gestione del parco -,  ma l’aver oltrepassato l’arduo “scoglio” del Comitato di Valutazione, molto selettivo, è stato un determinante passo in avanti. Basti ricordare che in precedenza, soltanto 4 parchi avevano ottenuto il “Cartellino verde” alla prima verifica di valutazione».

Tuscan Mining Geopark: questo è il nome scelto per il identificare a livello internazionale e mondiale il Parco Nazionale delle Colline Metallifere, vicino al prestigioso riconoscimento dell’Unesco.

Leggi il seguito di questo post »


“Gavorrano Libera” vuole il consiglio comunale on line

27 aprile 2010

Gavorrano – L’obiettivo è portare nelle case dei cittadini il consiglio comunale di Gavorrano e avvicinare la politica alla gente puntando su trasparenza e tecnologia. Gabriele Barbi, capogruppo della lista di minoranza “Gavorrano Libera”, ha presentato una mozione con la quale si chiede alla giunta di realizzare il progetto di copertura audio video delle sedute consiliari e di trasmetterle in tempo reale sul sito internet del comune. In questo modo chiunque potrebbe seguire il consiglio direttamente da un computer, a casa o in qualsiasi altro luogo con un portatile e una connessione mobile.

«Qualora fosse approvata – spiga Barbi -, la nostra proposta permetterebbe a tutti cittadini di potere assistere alle sedute consiliari via internet, in tempo reale. Sentiamo tanto parlare di partecipazione, accogliendo la nostra idea finalmente si avrebbe un coinvolgimento massiccio della popolazione».

Leggi il seguito di questo post »


Via Tasso, Borghi: “i lavori nel 2010”

26 aprile 2010

di Annalisa Mastellone

Gavorrano – «I primi lavori di riqualificazione urbana di via Tasso saranno inseriti nel bilancio 2010». Il sindaco Massimo Borghi (nella foto in basso)si impegna così ufficialmente ad intervenire nella zona di Filare, compresa tra via Tasso e via Ariosto (nella foto a destra), che versa in condizioni di degrado ormai da anni, come segnalato ripetutamente dai residenti. In questa che è una delle zone più panoramiche di Gavorrano, molte famiglie vivono da sei anni in quello che sembra un cantiere aperto, senza alcuna sicurezza per chi ci abita: una strada dissestata, senza asfalto né illuminazione, con buche e fogne a cielo aperto, erbacce alte ovunque e discariche di materiali vari, e che diventa un fiume di acqua e fango quando piove. E, nonostante abbiano più volte in passato sollecitato l’intervento dell’Amministrazione comunale, continuano a prendersi cura da soli della zona, per limitare rischi e disagi che affrontano quotidianamente nell’uscire di casa, o andare in visita dai vicini, o far giocare liberamente figli o nipoti. Mauro Lorenzini, capogruppo di Alternativa democratica, ha recentemente presentato un’interrogazione consiliare sulle condizioni di via Tasso, che ha definito il “ghetto del Filare”.

«Che via Torquato Tasso – si legge in un comunicato ufficiale di Borghi, ricordando che il degrado esiste da anni prima della sua elezione – sia in condizioni di completo abbandono è la realtà delle cose. Ripetutamente ho definito la situazione della porzione di Filare di Gavorrano compresa tra via Tasso e via Ariosto, una situazione da terzo mondo. Mi sono recato direttamente più volte nella zona e quindi ho piena coscienza delle condizioni reali in cui versa l’area interessata . Da mesi ripeto a tutti coloro che hanno la pazienza e la voglia di ascoltarmi che l’intera problematica di quell’ area è per me una priorità alla quale dare una risposta concreta e spero definitiva. Devo dire ad onor del vero che esiste in Comune un progetto diviso in tre stralci per la sistemazione di tutta l’area compresa tra Via Tasso incrocio via Giusti e via Ariosto, e questo, unito al piano di recupero privato su Via Ariosto che dovrebbe partire a breve, darebbe una sistemazione definitiva a quella zona. Nel Bilancio 2010, già discusso dalla Giunta, che dovrà essere approvato nel Consiglio Comunale del 30 Aprile , del quale darò notizia nelle assemblee pubbliche di tutte le frazioni, è stato previsto tra i lavori da fare l’esecuzione del primo stralcio della riqualificazione urbana di via Tasso. Il problema vero che si pone e che spiegherò nelle assemblee pubbliche è la tenaglia del patto di stabilità che complica notevolmente la procedura per i lavori pubblici. Ribadisco come ho sempre fatto che i cittadini di quella zona di Filare hanno ragione».

Leggi il seguito di questo post »


I centauri di Giuncarico

25 aprile 2010

Giuncarico – Fuoristrada per i sentieri più belli del nostro territorio, attraversando mezza Toscana, sfrecciando in sella a moto che non temono il fango, l’acqua e le strade sterrate: una motocavalcata da 240 chilometri per un’impresa che vale il titolo di centauri.
Tre giuncarichesi, Marco Ramazzotti e i fratelli Patrizio e Nicola Panerati con il supporto indispensabile di Michele Amadori che ha garantito i rifornimenti, sono stati tra i protagonisti di una delle gare più affascinanti tra i percorsi enduro d’Italia: la “Colle-Follonica” erede della più conosciuta e storica motocalvata Siena Follonica. Un appuntamento che anche quest’anno ha visto la partecipazione di centinaia di moto, circa 700, partite da Colle Val d’Elsa, in provincia di Siena, di buon mattino e arrivate in riva al Golfo nel tardo pomeriggio.
La manifestazione da anni viene organizzata nell’ultima domenica di aprile, ma l’edizione 2010 è stata anticipata di una settimana.

Sopra: al momento della partenza da Colle Val d’Elsa in provincia di Siena. Da sinistra Marco Ramazzotti, Patrizio Panerati e Nicola Panerati.

Leggi il seguito di questo post »